Lo Shatush

Shatush

Lo Shatush è una tecnica di colorazione non invasiva che ricrea l’effetto del capello dei bambini schiarito naturalmente sotto il sole. Con lo Shatush si crea un colore armonicamente in movimento che gradatamente va a schiarire fino alle punte, a differenza della meches dove viene creato il solito colore radice-lunghezza-punta. La parola Shatush è di origine persiana traducibile in “il piacere dei re”. Shatush è il nome di una specifica stola (adesso vietata) tessuta con il pelo più sottile e nascosto dell’antilope tibetano. Questo pelo così sottile, difficilissimo da trattare, richiedeva tutta l’abilità dei tessitori del Kashmir.

La Shatush nota per la sua intensità e leggerezza divenne molto ricercata nell’ultimo secolo, ma la sua crescente domanda portò persone sconsiderate a cacciare le antilopi senza tregua rendendole così in breve tempo una razza a rischio di estinzione.

Domande

Io che ho il capello "colorato" posso fare lo Shatush?

Con la tecnica Shatush è possibile schiarire un capello già colorato ottenendo sempre lo stesso risultato sfumato come lo si preferisce, anzi direi che proprio su colori particolarmente chiari lo Shatush potrebbe essere un’ottima alternativa naturale per mascherare i capelli bianchi, magari abbinato ad un hennè.

Io che sono abituata a fare le meches posso fare lo Shatush?

Il vantaggio dello Shatush rispetto alle meches riguarda l’effetto “meno evidente e contrastante in radice”. Creando un effetto sfumato, la gestione della ricrescita sarà più armonica e naturale rispetto alle meches. Paradossalmente la ricrescita diventa così un “alleato” dello Shatush, esaltando e valorizzando l’effetto del colore sulla lunghezza.

Ogni quanto devo fare lo Shatush?

Normalmente uno Shatush si fa ogni 2/3 mesi. Chiaramente meno è la quantità di capello schiarito meno sarà la frequenza. Rispetto alle meches è sicuramente più gestibile.

È vero che lo Shatush è solo sulle punte?

Assolutamente no!!! Lo Shatush è un tipo di schiaritura molto armonica che sarà più evidente sulle punte ma che è presente, anche se con meno evidenza, sulla radice. L’effetto è percepito graduale, ma non c’è stacco sulle punte. La schiarendo solo le punte si perderebbe la naturalezza dell’effetto Shatush. Un esempio che spesso faccio per far capire bene l’effetto: immaginatevi dei capelli lunghi schiariti solo sulle punte e provate a fare una coda, se guardate da dietro o da davanti vedrete una netta differenza.

Lo Shatush danneggia i capelli? È possibile farsi la colorazione “fai da te”?

Per lo Shatush si utilizzano i prodotti schiarenti per il capello. Ovviamente sta nella professionalità dell’ hairdresser porre la massima attenzione nell’utilizzo dei prodotti. Ecco perché sconsigliamo in maniera assoluta di operare la tecnica fai da te. Purtroppo nel nostro lavoro ci capita quotidianamente di vedere capelli devastati da un utilizzo improprio dei prodotti professionali.

Devo fare particolari trattamenti per mantenere il riflesso dello Shatush luminoso?

È opportuno chiedere consiglio al proprio hairdresser di fiducia su quali prodotti usare anche a casa propria. Personalmente sconsiglio vivamente prodotti con silicone e solfati perché a differenza di quello che può sembrare nel breve periodo danneggiano i capelli. Io alle mie clienti consiglio tra un servizio di Shatush e un altro di fare una bagno riflessante all’hennè, al fine di lucidare il vecchio Shatus e ridare corpo e lucentezza al colore naturale.

Lo Shatush è un trattamento costoso?

Lo Shatush rientra negli standard di costo di un normale trattamento professionale di schiaritura. Rispetto alla “vecchia” meches il costo, pur essendo nella medesima fascia di prezzo, necessita di una minore frequenza del servizio oltre ad essere assai meno invasivo e stressante per il capello.

Cosa è la nuova tecnica Shatush Hula Hoop?

La nuova tecnica battezzata Hula Hoop risponde e valorizza il concept dello Shatush: la naturalezza e l’armonia. I capelli non vengono più cotonati, ma l’applicazione segue le circonferenze anatomiche della conformazione, valorizzando ancora di più la caratteristica “natural” tipica dello Shatush che enfatizzata ancora di più luci ed ombre del movimento naturale del taglio.